Che cos’è il Cashback?

Cashback, un termine che sul web sentiamo ormai quotidianamente e che sta piano piano entrando a far parte della vita di tutti noi utenti dell’era tecnologica moderna. Ma effettivamente non tutti ne conoscono il significato ed il funzionamento.

La definizione di cash back

Prima di tutto partiamo con la definizione del termine, per la quale ci viene in aiuto l’Enciclopedia Treccani:

Cashback, espressione inglese («soldi indietro») riferita a una particolare procedura di sconto cui il cliente può accedere per determinati acquisti di prodotti on-line. Alcuni siti internet, infatti, raccolgono numerosi venditori selezionati e offrono al visitatore/utente, attraverso specifici motori di ricerca e cataloghi in rete, la possibilità di una efficace ricerca dei prodotti che egli vuole acquistare. Lo sconto è calcolato come importo fisso, o percentuale sulla spesa effettuata. Solitamente si accumula nel tempo in una sorta di salvadanaio, o conto a favore del cliente, il quale può utilizzare tali somme per effettuare altri acquisti, oppure chiederne la restituzione. L’azienda, che gestisce il sito web di cash back, viene ricompensata dai venditori convenzionati, per gli acquisti effettuati dai suoi utenti e in questo modo essa stessa è in grado di utilizzare parte dei ricavi, così ottenuti, per offrire sconti particolari ai medesimi utenti. Questi ultimi, di conseguenza, possono beneficiare di un duplice vantaggio: ricevere lo sconto da parte del sito di cash back, attraverso il quale hanno effettuato l’acquisto, e usufruire di particolari promozioni o sconti offerti dai rivenditori. Il meccanismo di cash back, potendo svilupparsi anche in circuiti di vendita tradizionali, è solitamente caratterizzato dalla presenza di numerosi rivenditori che, avendo sottoscritto specifici accordi, consentono al cliente di usufruire di benefici, anche se ottenuti a seguito di acquisti presso altri punti vendita, comunque appartenenti al circuito. –  Enciclopedia Treccani

Ad oggi esistono svariati siti che sfruttano la “formula” del cashback, come ad esempio SixthContinent del quale parliamo spesso su questo blog.



Come funziona il cash back?

Ad oggi, tantissimi siti web hanno deciso di adottare questa formula, instaurando delle partnership con varie aziende per le quali fungono da “rivenditori“, ottenendo delle commissioni per ogni acquisto che gli utenti fanno tramite essi. E’ proprio grazie a queste commissioni che si rende possibile la formula del cashback, in quanto una piccola parte di queste vengono restituite all’utente che ha effettuato l’acquisto.

In sintesi, un utente effettua un acquisto di un prodotto su internet, come farebbe normalmente, con il vantaggio che una piccola percentuale dello stesso gli venga restituita a transazione ultimata o sottoforma di credito spendibile all’interno del sito stesso, oppure a titolo di vero e proprio denaro che potrà poi accreditare sul suo conto in banca.

La formula del cashback è quindi vincente in quanto rende felici tutti, sia il venditore che utilizzando questo sistema incentiva le persone ad acquistare sul proprio sito, che l’acquirente visto che vedrà tornare indietro parte dei suoi soldi (per l’appunto cash back in inglese significa “soldi indietro“) ottenendo quindi un vero e proprio sconto sugli acquisti.

Per fare un esempio pratico, supponiamo di voler acquistare su Zalando un nuovo paio di scarpe, solitamente si aprirebbe direttamente lo shop di Zalando e dopo aver ricercato ed aggiunto al carrello le scarpe desiderate si passerebbe al pagamento ad esempio di 50€. Con questa operazione, che normalmente tutti fanno, non si avrebbe nessun ritorno economico e quindi nessuno sconto ulteriore sull’acquisto.


Se invece decidiamo di voler utilizzare la formula del cashback, potremmo sfruttare SixthContinent dove acquistare una shopping card Zalando da 50€, pagandola non più 50€ ma meno grazie ai crediti ed ai punti accumulati sul portale. Ad esempio se si avranno a disposizione 10€ tra punti e crediti, il costo del buono diventerebbe 40€. Inoltre all’acquisto della shopping card avremmo un ritorno del 3% sui 50€ spesi (cash-back), quindi si accumuleranno altri 1,5€ da utilizzare sul prossimo acquisto su SixthContinent.
Acquistata ed attivata la shopping card basterà utilizzarla su Zalando e risparmiare ulteriormente sull’acquisto.

Autore dell'articolo: Stefano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *